Premesso che per assicurare e garantire un adeguato livello di sicurezza sui luoghi di lavoro è necessario impiegare determinate figure, vediamo, nello specifico, quali sono quelle disciplinate dal Decreto Legislativo 81 del 09 aprile 2008 partendo proprio dal DATORE DI LAVORO.

Questa figura è titolare del rapporto con il lavoratore è ha la responsabilità dell’organizzazione (esercitando poteri decisionali e di spesa). Al Datore di Lavoro sono attribuiti (in capo all’Art.17 del D.Lgs. 81/2008):

OBBLIGHI NON DELEGABILI:

  1. la valutazione di tutti i rischi e la conseguente elaborazione del Documento di Valutazione dei Rischi (DVR)
  2. la designazione del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione dai rischi.

OBBLIGHI DELEGABILI:

  1. nominare il medico competente
  2. designare gli addetti all’antincendio e al primo soccorso per la gestione delle emergenze
  3. individuare il/i proposto/i per l’effettuazione delle attività di vigilanza e sorveglianza dei lavoratori 
  4. fornire ai lavoratori i Dispositivi di Protezione Individuale (DPI)
  5. limitare le aree esposte ad alto rischio
  6. vigilare sull’osservanza delle norme di sicurezza da parte dei lavoratori
  7. predisporre misure per la gestione per le situazioni di rischio ed emergenza
  8. favorire la visita medica dei lavoratori
  9. comunicare tempestivamente al medico competente la cessazione dei rapporti di lavoro in cui i lavoratori risultano esposti a rischio chimico ed amianto.
  10. adempiere agli obblighi di informazione, formazione e addestramento dei lavoratori
  11. non obbligare i lavoratori a riprendere la propria attività qualora persistano situazioni pericolose gravi
  12. consegnare il Documento di Valutazione Rischi (DVR) al Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS)
  13. confrontarsi con il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) per valutare ed applicare misure di sicurezza volte a tutelare la sicurezza dei lavoratori
  14. comunicare all’INAIL i dati relativi agli infortuni sul lavoro
  15. aggiornare le misure di sicurezza aziendali
  16. munire i lavoratori in regime di appalto o subappalto di specifica tessera di riconoscimento
  17. convocare la riunione periodica nelle unità produttive con più di 15 lavoratori
  18. vigilare e verificare che i lavoratori che per i quali vige l’obbligo di sorveglianza sanitaria siano in possesso del prescritto giudizio di idoneità
  19. comunicare annualmente all’INAIL i nominativi dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza.

IL DATORE DI LAVORO ricorrendo alla delega delle funzioni può delegare a soggetti terzi solo i suoi “obblighi delegabili”; consente, sicuramente, un controllo più attento ed un’attuazione più efficace dei processi gestionali grazie alla distribuzione dei compiti su più soggetti.